PRO TARTARUGHE SVIZZERA ITALIANA
Casella postale 1144
6512 GIUBIASCO


Segreteria:

anna.besomi@bluewin.ch

Chi ha scritto questa favola?

Un giorno una lepre e una tartaruga decisero di fare una gara di corsa. La lepre pregustava già la vittoria, così dopo essere partita ed aver distanziato la tartaruga di parecchi metri, decise di fermarsi a riposare perché tanto sapeva di essere in vantaggio e che la tartaruga non l'avrebbe mai raggiunta. Perciò si addormentò e dormì per parecchie ore. Intanto la tartaruga, piano piano, la raggiunse, la vide appisolata e continuò lentamente nel suo cammino. La lepre si svegliò e, pensando che la tartaruga fosse ancora indietro, corse verso l'arrivo. Ma quando vi giunse, la tartaruga era già arrivata, vincendo la gara.

Domande più frequenti - FAQ

LETARGO 1 - anche le giovani tartarughe appena nate possono andare in letargo?

Il letargo è un comportamento fisiologico di molte specie di rettili. In natura anche le giovani tartarughe vanno in letargo. Di solito lo posticipano di qualche settimana rispetto agli adulti e si risvegliano un po' prima in primavera.

LETARGO 2 - cosa sono i punti più importanti per un corretto letargo delle mie tartarughe?

Le tartarughe devono poter disporre di un substrato umido (la terra del giardino va bene) e di una temperatura costante (ca. 5°C). Occorre evitare gli sbalzi di temperatura sia verso il basso che verso l'alto. Temperature d 10-15°C sono molto pericolose: gli animali non sono più attivi (e quindi non mangiano) ma d'altra parte il metabolismo non è sufficientemente rallentato e quindi consuma in breve tempo le riserve accumulate per l'inverno. La tartaruga corre così il rischio di non più svegliarsi in primavera.

Oggetti: 1 - 2 di 2

Attualità

    Buongiorno a tutti, il comitato PTSI ha il piacere di segnalarvi un documentario sulla testuggine palustre (Emys orbicularis) che sarà trasmesso dalla RSI nell'ambito della trasmissione il Giardino di Albert domenica 15 dicembre alle 18.10, su RSI LA 1. Da lunedì 16 il contributo sarà visibile anche su Internet: www.rsi.ch/albert Passate parola!
Urs Jost, presidente centrale della SIGS ci introdurrà nel mondo naturalistico del Mar nero, con un'affascinate conferenza sulle specie di tartarughe ma non solo che vivono sulle rive del Mar Nero in Bulgaria.   Alla fine della conferenza, come tradizione con l'ultima attività dell'anno ci sarà una panettonata. occasione per scambiarci esperienze e perché no pure gli auguri per le prossime...
  Newsletter SIGS  del 15.09.2013 Una primavera fredda,  umida e lunga, seguita da un’estate dal clima mediterraneo hanno caratterizzato la fase principale di attività delle nostre tartarughe nell’anno 2013. Ancora una volta, nella prima metà dell’anno, per il benessere delle nostre tartarughe terrestri mediterranee, si sono rivelate utilissime le piccole serre provviste di...
            Nello stagno delle Isole di Brissago vivono alcuni esemplari di Testuggine d’acqua (Emys orbicularis), l’unica tartaruga appartenente alla fauna indigena della Svizzera.   La Testuggine d’acqua è prevalentemente carnivora. Vive in grandi stagni con vegetazione acquatica rigogliosa, in laghi con fitta vegetazione ripariale, in canali di...
Dalle prime uova deposte dalle emys rilasciate nello stagno delle Isole di Brissago sono sgusciate 6 vispe Emys orbicularis. Questo ü il primo successo riproduttivo. potete vedere le piccole atrarughe anche sul servizio RSI Quotidiano del 23.9.2013...
Il letargo, croce e delizia dei proprietari di tartarughe. Una conferenza per capire perché si tratta di un comportamento naturale.   Centro Tecnico TCS, Rivera alle ore 20.00              
<< 3 | 4 | 5 | 6 | 7 >>